GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 5 DI ∞

IL COMPUTER – Il disco rigido Parte 1

 

Dopo esserci lasciati alle spalle la descrizione dei lettori, proseguiamo con la trattazione dei componenti interni al computer.
 
I computer non recenti come hai visto possono presentare l’alloggiamento dell’ormai vetusto Floppy Disk. Essi erano supporti molto veloci per gli albori dei PC, ma ad oggi praticamente inutilizzati.


Ad onor del vero qualche smanettone ancora fa vivere e lavorare egregiamente questi aggeggi, sfruttando alcune peculiarità per l’avvio e la diagnostica nei computer bloccati.
 
Nella parte interna del computer, sotto il Floppy Disk, è inserito il disco rigido, in inglese chiamato Hard Disk (HD) o più correttamente Hard Drive.


Ma cos’è di fatto un HD?




Il disco rigidoÈ un componente elettronico e meccanico al cui interno è presente una circuiteria necessaria per il funzionamento e dei supporti formati da un numero variabile di dischi.

Questi dischi, impilati uno sull’altro ad una distanza molto ravvicinata, ruotano ad una velocità molto elevata. Gli Hard Disk, di uso comune, con le migliori prestazioni ruotano ad una velocità massima di 7200 giri al minuto.

Sui vari dischi è possibile memorizzare, leggere e/o cancellare i dati in maniera “illimitata”. Anche se può sembrarti un’utopia, ho scritto la parola “illimitata” perché l’unico limite è la durata di funzionamento dell’Hard Disk stesso.
 
Qualora la parte meccanica si danneggiasse, ci potrebbero essere ancora margini per recuperare i dati presenti sui dischi stessi.

Interno disco rigido
Interno disco rigido

 

Molti programmi, alcuni gratuiti ed altri a pagamento, ti permetterebbero di poter recuperare autonomamente i dati presenti sugli stessi, causa cancellazioni involontarie o rotture non gravi.

Nei casi estremi ti dovresti necessariamente rivolgere a ditte specializzate per il recupero degli stessi. Saranno necessari strumenti particolari e condizioni ambientali ben definite per procedere al recupero degli stessi.

Qualora ti capitasse una sventura del genere, con dati vitali, devi sapere che ti potrebbero occorrere diverse centinaia di Euro per il recupero di dati da un HD danneggiato.

Come proteggersi da questi problemi. Ne riparleremo in seguito, ma la parola d’ordine è BACKUP, BACKUP ed ancora BACKUP. Te la dico in poche parole. 
 
Copiare diverse volte e sfruttando diverse soluzioni tutti i dati dannatamente importanti che ti potrebbero far disperare, piangere o far male se solo tu li perdessi. Copiare su DVD, HD esterni, pennette USB, memorie SD, HD virtuali (Cheeee? Cosaaaa? Anche di questo ne parleremo in seguito), ecc.

Anche se le attuali capacità di memorizzazione dei dischi rigidi hanno raggiunto valori stratosferici, impensabili fino a qualche anno fa, è già iniziato il loro declino in luogo dei sempre più performanti supporti di memorizzazione statici a stato solido. Attualmente solo i costi elevati stanno frenando il prolificare delle vendite di questi nuovi Hard Disk, dalle prestazioni ed affidabilità elevate.


Ti chiederai, ma quali sono i dati memorizzabili sugli HD?


Punto di domanda

Qualsiasi dato in formato digitale e cioè foto, video, documenti, musica, libri, enciclopedie, email, programmi, sistemi operativi, ecc. Sarete tu ed il computer che utilizzerete questo supporto, ed altri tipi, per memorizzare i dati necessari al tuo o al suo lavoro.


Ogni dato informatico a sua volta potrà essere di un formato diverso e creato da aziende diverse. Per i sistemi operativi ad esempio le aziende più conosciute sono Microsoft, Linux, Apple, Google, ecc.

Un sistema operativo permette la gestione della macchina in base agli scopi dell’utente.


In estrema sintesi è costituito da una sequenza di istruzioni che comandano l’hardware del PC, al fine di realizzare i tuoi scopi. In un computer possono essere installati più sistemi operativi sia della stessa azienda, quindi con versioni ridondanti o diverse, che di aziende diverse (con alcune eccezioni).
 
Ti ho detto che i dati possono avere un formato molto diverso gli uni dagli altri. I dati audio ad esempio hanno un formato riconoscibile dall’estensione del nome del dato (file).


L’estensione è l’insieme dei caratteri alfanumerici che seguono il nome del file stesso ed il punto. Avremo ad esempio il diffusissimo .mp3 oppure .wav, .wma, .ogg, .mp2, .amr, .acc, ecc, ecc. Per i video i formati Blu-ray, DVD, .mkv, .mpeg, .avi, .mp4, .flv, .mov, .wmv, ecc. ecc.
 
Senza essere prolisso a riguardo, sintetizzo dicendoti che ogni file digitale è dotato di un’estensione che ne caratterizza la tipologia o l’azienda o il programma che lo ha creato e lo gestisce.


Per poter aprire (leggere) un file di una determinata estensione è necessario il programma predefinito che lo ha creato od un altro software in grado di gestire il file stesso.
 
Avrai compreso quindi l’importanza vitale di un supporto di memorizzazione come l’HD. Dal punto di vista dell’utente è la parte più importante del computer.
 
Di fatti immagina di non aver la possibilità di memorizzare i dati importanti. Per avvicinare il problema alla realtà quotidiana, immagina se sul tuo telefonino non avessi la possibilità di memorizzare i numeri dei tuoi contatti.


Se la tua età è di qualche decennio ti ricorderai dei vecchi telefoni a tastiera o ancora i più vecchi a disco rotante. Tutto a memoria? No, nella rubrica telefonica cartacea. Ed ai giorni nostri? Nella rubrica telefonica digitale ossia…

Quanti dati possono memorizzare gli Hard Disk?

Punto interrogativo


Dipende dalle dimensioni. Senza sfociare nell’erotismo, diciamo che la struttura esterna degli HD ormai ha raggiunto uno standard consolidato, ma la capacità di memorizzazione dei dischi interni alla stessa si è implementata notevolmente nel corso degli anni.Circa 15 anni fa gli HD dei computer avevano una capacità di memoria di qualche centinaio di Megabyte. Possedere un HD di pochi Gigabyte era un lusso anche dal punto di vista economico. Ora un HD di 2 Terabyte lo puoi acquistare a circa 100 Euro.

Capisci la differenza? Se sei estraneo a questi numeri? Nella prossima lezione allora ci concederemo una lieve scivolata sulle tecniche digitali.
Alla prossima allora. STAY TUNED ciao.
Carlo 
Foto di:

Ma cos’è di fatto un HD? – Asim18 Image via Wikipedia 
http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Asim18
Interno disco rigido – photo © 2009 Anna (via: Wyliohttp://www.flickr.com/people/99941383@N00
Ti chiederai, ma quali sono i dati memorizzabili sugli HD? – Idea go http://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=809
Quanti dati possono memorizzare gli Hard Disk? – photo © 2005 Marco Bellucci (via: Wyliohttp://www.flickr.com/people/50451886@N00
Print Friendly, PDF & Email