GUIDA AL COMPUTER – LEZIONE 194 DI ∞

Windows 10 –

Proxy

Bentornato, Goodlier bentornata.

Oggi passiamo per nodi…… ti parlo dei “Proxy”.

Cos’è?

proxy

Hai mai giocato da bambino/a al telefono senza fili?

Si, pure da grande Ahahaha… Giocavi ad un giurassico simil proxy.

Hai messo in contatto la fonte della notizia con l’utente finale passando tra uno o più nodi (server).

Esempio molto banale e forse non troppo calzante, ma per fatti capire con semplicità quello che rappresenta il Proxy.

Quando si naviga facciamo richieste dal nostro PC verso un servizio web e, grazie al nostro fornitore di accesso ad internet, giungono al sito che vogliamo consultare in maniera trasparente.

Se invece prima di consultare il sito indirizziamo la nostra navigazione verso degli intermediari (hardware o software), che prendono le nostre richieste e le reindirizzano al sito da navigare non fornendo i nostri dati, possiamo tutelarci e nascondere il nostro indirizzo IP.

Ecco a cosa serve un proxy.

Scopo è navigare anonimamente, nascondere il proprio indirizzo IP, superare censure basate su indirizzi IP e provider oppure accedere semplicemente a contenuti non possibili da una nazione per limitazioni di aree geografiche.

Per poter utilizzare dei proxy hai varie strade.

Impiegare dei servizi web (siti) attraverso cui collegandoti puoi navigare tramite i loro server proxy.

Scelta più semplice di tutte perché non devi installare alcun software o configurare qualcosa.

Alternativamente puoi installare dei componenti aggiuntivi nel browser che utilizzi o programmi che gestiscono le impostazioni in automatico ed eventualmente potrai scegliere la località simulata di provenienza.

Ancora, installare degli script ossia delle stringhe/istruzioni autoconfiguranti i parametri per la navigazione.

Infine potrai impostare manualmente i dati dei server proxy scegliendoli autonomamente tra quelli disponibili.

La tutela e l’affidabilità del servizio dipendono da chi fornisce tale servizio.

La privacy intesa come anonimato non è detto che venga garantita dal fornitore dei server.

Le opzioni poi messe a disposizione fanno la differenza tra i vari prodotti offerti compresi quelli a pagamento.

La scelta del server proxy dipende dalle necessità.

Se devi consultare materiale esclusivo e presente in una specifica nazione, dovrai cercare indirizzi IP dei server proxy di quella specifica nazione.

Se ti necessità navigare con una certa velocità dovrai scegliere proxy più rapidi nelle risposte.

Ti serve un determinato protocollo per il servizio a cui deve accedere, selezionerai quello che ti fornisce lo specifico protocollo di trasmissione.

Hai bisogno di anonimato assoluto?

Individuerai quelli che ti danno la massima tutela in riservatezza.

Gli effetti collaterali immediati sono relativi alla velocità, che potrà essere minore visto l’ulteriore passaggio e la presenza di pubblicità più o meno invasiva nelle forme gratuite.

In taluni casi accedendo a forme di pagamento, può essere eliminato questo ritardo.

Alcuni siti web contrastano l’utilizzo di server proxy inibendo la possibilità di fruire del servizio. L’eterna lotta di dualismo……;-)

A questo punto dovrai affilare le armi svuotando la cache del browser di precedenti navigazioni e scegliere un proxy più consono alla consultazione di quei contenuti.

La verifica del cambio di indirizzo IP può essere eseguita in maniera molto semplice, andando a consultare uno dei siti di rilevamento indirizzo IP del tipo WhatIsMyIP.

Eseguendo il controllo dell’indirizzo IP prima e dopo il cambio tramite proxy, puoi verificare che il servizio funzioni e dove è geolocalizzato il nuovo indirizzo IP relativo alla tua navigazione.

Per completezza devi sapere che non tutti i servizi (protocolli) web sono raggiungibili via proxy.

Potresti avere difficoltà a collegarti a siti di giochi online, servizi webcam, VoIP o file sharing, tecnologia permettendo ovviamente.

Il progetto più conosciuto in ambito privacy è il progetto T.O.R. (The Onion Router – T.O.R. Project).

In pratica il traffico della tua navigazione viene veicolato attraverso una serie di server (quindi non solo un proxy con IP univoco) volontari sparsi in giro per il mondo con lo scopo di nascondere i dati relativi all’utente iniziale: Indirizzo IP, posizione, tipo di navigazione, messaggi, ecc, in modo da celare quanto più possibile la fonte della navigazione evitando monitoraggi.

Per il suo impiego ti scarichi ed installi un programma (client) che ti permetterà di navigare attraverso i nodi della rete T.O.R. con privacy garantita.

Al suo avvio cercherà i nodi disponibili e vi convoglierà il tuo traffico internet.

Per la scelta dei servizi online, invece, effettua una semplice ricerca col tuo motore preferito, in quanto le liste sono in continuo aggiornamento per evoluzione tecnologia, censure varie e cambi di scelte delle aziende.

Nell’utilizzo di questi servizi dovrai semplicemente inserire in un campo, che troverai nella pagina del servizio proxy, l’indirizzo U.R.L. del sito che vorrai navigare impiegando questo server proxy in luogo del tuo indirizzo IP.

Molto semplice direi…

Ecco una lista minimale di servizi online da cui puoi attingere alla data in cui scrivo:

Infine se tu volessi impiegare le risorse interne al sistema operativo Windows 10, potrai usufruire della sezione dedicata all’inserimento manuale di un server proxy.

Vai nella sezione delle impostazioni e seleziona il pulsantone “Rete e internet”.

pannello impostazioni

Nella nuova pagina troverai alla sinistra una serie di sottosezioni.

Individua e clicca su “Proxy”.

Entrerai nella sezione di configurazione dei proxy.

Puoi attivare tramite un cursore il rilevamento della configurazione automatica di un proxy se disponibile.

configurazione manuale proxy

Alternativamente potrai inserire i parametri manualmente.

Attivando il cursore “Usa server proxy” potrai inserire un indirizzo ed una porta per instradare la tua navigazione verso tale server.

Nella sezione inferiore potrai escludere la navigazione proxy per indirizzi specifici che andrai ad inserire nella stessa e per reti intranet.

Che valori inserire?

Puoi eseguire una ricerca per individuare le liste dei proxy disponibili ed in base alle tue necessità del momento, compila questi due campi ed il gioco è fatto.

Una lista degli indirizzi proxy per la configurazione manuale la puoi vedere da questi due link:

Seleziona la nazione da cui vuoi simulare la tua navigazione ed il protocollo.

Otterrai indirizzo e porta da inserire nei campi di cui sopra.

Le opzioni variabili sono la scelta della velocità di risposta del server e la profondità di anonimato.

Ricorda che esistono server gratuiti ed a pagamento che per ovvie ragioni forniscono opzioni che possono tornarti utili in certe situazioni.

inserimento valori prxy

Nella sottosezione delle impostazioni manuali dei server avrai notato un campo relativo agli script.

Gli script sono istruzioni/programmi che permettono di eseguire operazioni automatizzate.

In questo caso l’operazione di configurare una navigazione tramite server proxy.

Come utilizzare tale stratagemma?

Dovrai cercare gli script che eseguono la funzione specifica ed impostare questo valore (indirizzo ove risiede lo script) nel campo dedicato, una volta che avrai abilitato il cursore relativo.

Salva i dati e naviga.

Termino notificandoti un servizio di utilità fornito dal sito Ipaddress.com che ti consente di conoscere dove è localizzato un indirizzo IP ed altri parametri.

Ora un forte saluto e Stay Tuned… Till death do us part! Ciao Goodlier.

Carlo

Foto di:

Screenshot realizzati da TheGoodly

https://it.wikipedia.org/wiki/File:Proxy_concept_it.svg

P.S.= Buona formazione e condivisione Goodlier.

Puoi scegliere di seguire il percorso anche su:

Print Friendly, PDF & Email